Ca’ Rezzonico e i ridotti veneziani

Ca’ Rezzonico, il grandioso palazzo settecentesco si affaccia sul Canal Grande. Qui una visita è occasione per immergersi in un’epoca che a Venezia fu di splendori e dissipazioni, tramonto politico e ricchezza.

La famiglia Rezzonico, parte della nuova aristocrazia di origini non veneziane, ricchi mercanti e proprietari terrieri, abitò in questo edificio che fu completato da Giorgio Massari nel 1756 e che, dal 1936, è sede di un museo grandioso e suggestivo. Qui si possono ammirare i capolavori dell’arte veneziana del periodo: i Tiepolo, Guardi, Longhi, Rosalba Carriera, Canaletto e altri. Inoltre, si conosce il gusto dell’epoca osservando l’arredo e il mobilio, ma anche l’architettura, lo scalone, le varie sale e soprattutto il salone da ballo. Al terzo piano, infine, si può vedere una farmacia con locali originali dell’epoca e la ricchissima collezione di dipinti donata da Egidio Martini.

L’itinerario può successivamente procedere con la visita di un “ridotto”. In particolare nel ‘700, a Venezia si diffuse la moda del ridotto, ossia di un luogo privato dove ritirarsi alla sera fino a notte tarda, spesso dopo teatro, per godere della compagnia di pochi intimi e dedicarsi al gioco, agli incontri galanti, mondani, alla cultura e al divertimento. Altrimenti chiamati “casini”, i ridotti divennero un’occasione per sviluppare il gusto nell’arredamento e nella decorazione, tra affreschi e stucchi dai colori delicatissimi.

Per questa visita guidata, contattatemi all’indirizzo: l.romeo@seevenice.it

Foto: Luisella Romeo

Dettagli

Durata 2-3 ore
Costo 75 euro all’ora
Spese extra ingresso museo, offerta per la visita del ridotto
Note tutti

Condividi